top of page

LIQUID SKY / II EDIZIONE

Rassegna d'arte contemporanea

a cura di Benedetta Spagnuolo

LOCATION: GALATA MUSEO DEL MARE - GENOVA

LIQUID SKY

Rassegna d’arte contemporanea | II Edizione

a cura di Benedetta Spagnuolo


28 Febbraio - 6 Marzo 2024

Galata Museo del Mare - Galleria delle Esposizioni, II Piano, Calata De Mari 1, Genova (IT)

Tutti i giorni H. 10:00 - 19:00 con biglietto al Museo (ultimo ingresso H. 18:00)

 

Organizzazione: ARTISTI ITALIANI - arti visive e promozione

Patrocini: Regione Liguria e Comune di Genova

Apre al pubblico mercoledì 28 febbraio dalle ore 10:00 la seconda edizione della rassegna d'arte contemporanea Liquid Sky, curata da Benedetta Spagnuolo e organizzata da ARTISTI ITALIANI - arti visive e promozione, con il patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Genova.

Liquid Sky ospita opere di fotografia, video, installazione, pittura, grafica e illustrazione, che trovano collocazione tra le pareti della Galleria delle Esposizioni, all'interno del Galata Museo del Mare, uno splendido edificio antico affacciato sul porto di Genova e avvolto in un grande involucro di vetro e acciaio.

La rassegna rimarrà aperta tutti i giorni, dalle 10:00 alle 19:00, fino al 6 Marzo 2024.

 

L’intento di Liquid Sky è quello di creare una rassegna, un appuntamento fisso pensato appositamente per il museo, al quale si presentano artisti contemporanei e spesso inediti provenienti da tutta Italia e dall’estero che si confrontano su un elemento di forte rappresentazione dell’identità storica della città di Genova: l’acqua.

Nel caso di questa esposizione, l’acqua è vista come elemento principale di connessione con il “cielo” (sky), con il quale confina sia visivamente sia concettualmente, e ne risalta ogni sfaccettatura fino a diventarne parte.

Il titolo che abbiamo scelto è liberamente tratto dall’omonima opera cinematografica di Slava Tsukerman del 1982, un cult movie seminale a tutti gli effetti che collega un luogo, rappresentazione scenografica di una vicenda interiore, e i suoi protagonisti.

 

Per Carl Gustav Jung, l’acqua e il suo simbolismo sono un elemento essenziale e fondamentale per quel viaggio interiore che è l’introspezione, base di partenza della moderna psicologia e psichiatria: “L’acqua, il mare, è il simbolo dell’inconscio per eccellenza, con tutti i contenuti rappresentati da tutti gli esseri che vivono nelle sue profondità. Noi tutti abbiamo navigato nel mare uterino delle nostre madri e l’acqua ci ricollega a uno stato in cui non ci sentivamo ancora separati dal grande universo”.

L’aspetto materno dell’acqua coincide con la natura dell’inconscio, in quanto quest’ultimo (specialmente nell’uomo) può essere considerato madre o matrice della coscienza. In tal modo l’inconscio, quando interpretato in riferimento al soggetto, ha al pari dell’acqua significato materno.

 

Diventano così importanti anche gli elementi connessi all’acqua: la barca, che da sempre è non solo un veicolo o uno strumento ma anche compagna dell’uomo, tanto da ricevere spesso un nome che ha un forte significato sentimentale, ed essa è anche espressione di un archetipo, ovvero colei che ci porta nel nostro “viaggio terreno da una sponda all’altra”; l’io, che nel viaggio individuale deve confrontarsi e relazionarsi con le intemperie che il destino gli pone; la vela, perché si muove con il vento che nessuno può comandare, sinonimo degli accadimenti della nostra vita; il vento, simbolo del destino, che interferisce nel dialogo tra mare, barca e vela, e che quindi durante l’esistenza spinge ad adattare le vele il meglio possibile; il destino stesso, metafora delle attitudini, delle caratteristiche e delle qualità.

Questo avvicinarsi al significato simbolico dell’acqua ha riscontro nella mitologia greca: nell’Iliade troviamo infatti “Oceano, che a tutti i numi fu origine” e Teti, “la madre”, quale origine del mondo e delle divinità.

Il significato dell’acqua non si esaurisce nella mitologia, nelle religioni o nell’antichità perché questi contenuti simbolici appartengono profondamente alla nostra psiche e ancora oggi si manifestano a livello psicologico attraverso i sogni o le immaginazioni fantastiche di ognuno di noi. È importante riuscire a leggerle, ancora una volta, per ricercare un equilibrio nella nostra vita.

L’acqua fa parte delle nostre origini: da acque mitologiche si originò l’universo, da acque oceaniche affiorarono le terre emerse, in acque marine si formò la vita, in acquosità uterine si sviluppa il feto; nei sogni e nelle fantasie il mare o una qualsiasi vasta distesa d’acqua rappresentano l’inconscio.

 

Nella psicologia analitica di Jung, questi aspetti profondamente radicati nella psiche umana sono definiti archetipi (una sorta di parallelismo psichico con gli istinti biologici) e appartengono a quello strato della psiche definito inconscio collettivo (uno strato sottostante all’inconscio freudiano che conterrebbe tutti quegli aspetti psichici strutturanti, gli archetipi appunto, che si sono andati a depositare nei milioni di anni di evoluzione dell’uomo e che rimarrebbero patrimonio comune di ogni essere umano al di là della razza di appartenenza).

La caratteristica degli archetipi è quella di manifestarsi alla nostra coscienza in immagini (immagini archetipiche, appunto), che mantengono ancora oggi un significato propositivo per ognuno di noi e che si legano e si intrecciano con gli eventi della nostra vita reale e oggettiva.

 

Vogliamo partire da questi presupposti per analizzare, con artisti visivi di diversa origine ed estrazione, proprio quelle immagini che attraverso una sensibilità più analitica, specifica e poetica affiorano nei loro lavori d’arte contemporanea; immagini che, come le sfaccettature dell’animo umano, possono essere via via cristalline, torbide, oscure di esperienze e sofferenze ma anche energetiche, simboliche di purificazione e salvezza. L’acqua racchiude in sé aspetti sia negativi sia positivi ed è l’unico elemento ad avere delle caratteristiche così forti e variegate.

Sono proprio le “immagini”, ovvero le opere di artisti contemporanei, a raccontare questi significati profondi, queste sensazioni da sempre presenti dentro di noi.

Quante volte, per ritrovare la pace, cerchiamo un orizzonte, il cielo che si staglia nel mare con la sua limpidità o con i disegni delle nuvole? Quante volte ci soffermiamo a pensare o ricordare oppure semplicemente ci perdiamo nei colori di questo incontro fra cielo e mare? Due elementi così diversi, eppure inderogabilmente legati e divisi solo da una sottile linea, che li fa specchiare l’uno nell’altro fin quasi a fondersi; in certi casi o momenti particolari percepiti come entità reali, viventi e sacre, come principi trascendentali dotati di esistenza propria.

La contemplazione del cielo e del mare diventa quasi un atto religioso perché si rivela immediatamente e sempre come un mito grandioso e senza fine, esaltandone la bellezza, la forza e la sacralità. Il cielo è anche una meta e attraverso l’ascesi l’individuo può accedere al cielo, cioè al mondo superiore o al mondo spirituale, e attraverso l’acqua farsi accompagnare durante le fasi emotive della propria esistenza.

Entrambi gli elementi sono pervasi da un colore, il blu vasto e profondo, proprio perché li richiama, intimamente connesso all’idea di infinito e di eterno.

Il cielo diventa liquido, Liquid Sky diventa acqua inconsistente e leggera; insieme sprigionano un’energia di cui l’uomo non può fare a meno.

 

 

Benedetta Spagnuolo

Artisti:

Davide Aicardi, Davide Barzaghi, Teresa Bellini, Maria Rosa Benso, Roberto Fabio Brucci, Benedetta Cari, Antonio Cesare, Tina Cosmai, Nariman Darbandi, Alessandro De Petre, Diberto, Katharina Eisenberg, Riva GLDF, Fabiola Ledda, Elisa Lelli, Lorenzo Enrico Lemmo, Cinzia Mazzoni, Daniela Moretti, Valerio Murri, Ada Nori, Flavio Palazzina, Silvana Rocco, Vasiliy Sad, Andrea Scopelliti, Serena Serrani, Giovanna Sposato, Rosetta Tronconi.

Il Galata Museo del Mare fa parte del Mu.MA - Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni insieme al complesso monumentale della Lanterna, al Museo Navale di Pegli e alla Commenda di Pré che ospita il MEI - Museo dell'Emigrazione Italiana.

A pochi passi dall'Acquario di Genova, il Galata nasce alla fine degli anni ’90 del secolo scorso da un coraggioso progetto di riqua­lificazione storica e ambientale dell’area dell’antica Darsena e delle vestigia dell’Arsenale della Repubblica: un contesto tutt'ora visibile che conferisce un gran fascino all'intera area.

Il percorso di visita si snoda tra una parte museale, nell'edificio principale, e una “open air” dove si trova il parco archeologico-portuale che costituisce il “waterfront” del museo e dove è ormeggiato il sottomarino Nazario Sauro, unico in Italia visitabile in mare.

Nelle sale interne il visitatore attraversa ambienti dall'allestimento scenografico che creano un contesto suggestivo per apprezzare i preziosi oggetti delle collezioni: dipinti, carte nautiche medievali, atlanti, strumenti di bordo, modelli, eccetera.

Essi prendono così vita, invitando il visitatore a compiere un vero e proprio viaggio alla scoperta della storia e dell'immaginario del mare. Non a caso, lo slogan del museo è "Sali a bordo!".

Il Galata Museo del Mare è il più grande e innovativo museo marittimo del Mediterraneo.

Quattro piani espositivi seguono la marineria e la relazione tra Genova e il mare, dal medioevo all’età contemporanea.

www.galatamuseodelmare.it

 

 

 

RASSEGNA STAMPA

ALLESTIMENTO

Ph. © Francesco Arena, 2024

Liquid Sky II | 2024_01
Liquid Sky II | 2024_02
Liquid Sky II | 2024_03
Liquid Sky II | 2024_04
Liquid Sky II | 2024_05
Liquid Sky II | 2024_06
Liquid Sky II | 2024_07
Liquid Sky II | 2024_08
Liquid Sky II | 2024_09
Liquid Sky II | 2024_10
Liquid Sky II | 2024_11
Liquid Sky II | 2024_12
Liquid Sky II | 2024_13
Liquid Sky II | 2024_14
Liquid Sky II | 2024_15
Liquid Sky II | 2024_16
Liquid Sky II | 2024_17
Liquid Sky II | 2024_18
Liquid Sky II | 2024_19
Liquid Sky II | 2024_20
Liquid Sky II | 2024_21
Liquid Sky II | 2024_22
Liquid Sky II | 2024_23
Liquid Sky II | 2024_24
Liquid Sky II | 2024_25
Liquid Sky II | 2024_26
Liquid Sky II | 2024_27
Liquid Sky II | 2024_28
Liquid Sky II | 2024_29
Liquid Sky II | 2024_30
Liquid Sky II | 2024_31
Liquid Sky II | 2024_32
Liquid Sky II | 2024_33
Liquid Sky II | 2024_34
Liquid Sky II | 2024_35
Liquid Sky II | 2024_36
Liquid Sky II | 2024_37
Liquid Sky II | 2024_38
Liquid Sky II | 2024_39
Liquid Sky II | 2024_40
Liquid Sky II | 2024_41
Liquid Sky II | 2024_42
Liquid Sky II | 2024_43
Liquid Sky II | 2024_44
Liquid Sky II | 2024_45
Liquid Sky II | 2024_46
Liquid Sky II | 2024_47
Liquid Sky II | 2024_48
Liquid Sky II | 2024_49
Liquid Sky II | 2024_50
Liquid Sky II | 2024_51
Liquid Sky II | 2024_52
Liquid Sky II | 2024_53
Liquid Sky II | 2024_54
Liquid Sky II | 2024_55
Liquid Sky II | 2024_56
Liquid Sky II | 2024_57
Liquid Sky II | 2024_58
Liquid Sky II | 2024_59
Liquid Sky II | 2024_60
Liquid Sky II | 2024_61
Liquid Sky II | 2024_62
Liquid Sky II | 2024_63
Liquid Sky II | 2024_64
Liquid Sky II | 2024_65
Liquid Sky II | 2024_66
Liquid Sky II | 2024_67
Liquid Sky II | 2024_68
Liquid Sky II | 2024_69
Liquid Sky II | 2024_70
Liquid Sky II | 2024_71
Liquid Sky II | 2024_72
Liquid Sky II | 2024_73
Liquid Sky II | 2024_74
Liquid Sky II | 2024_75
Liquid Sky II | 2024_76
Liquid Sky II | 2024_77
Liquid Sky II | 2024_78
Liquid Sky II | 2024_79
Liquid Sky II | 2024_80
Liquid Sky II | 2024_81
Liquid Sky II | 2024_82
Liquid Sky II | 2024_83
Liquid Sky II | 2024_84
bottom of page