Con l’occhio della tata - Vivian Maier: una 'fotografa di strada'

November 7, 2017

 

La street photography nasce probabilmente dal momento in cui le fotocamere diventano portatili e permettono, dunque, grazie a brevi esposizioni, la facilità nello scatto, dando vita a immagini immediate e reali, capaci di raccontare una storia.

La capacità principale della street photography sta nella ‘spontaneità’, sia del soggetto fotografato che solitamente non viene avvisato che verrà fotografato, sia del fotografo, quest’ultimo capace di improvvisare e cogliere l’attimo di una realtà soggettiva che gli si pone dinanzi agli occhi.

 

Il fascino della street photography di Vivian Maier approda a Catania in una mostra che, dal 27 ottobre al 18 febbraio 2018, presso la Fondazione Puglisi Cosentino (organizzata dal Gruppo Arthemisia, contrasto e diChroma Photography) raccoglie 120 opere dell'artista americana in bianco e nero, più una selezione a colori.

Vivian Maier, nata a New York nel 1926, nasconde però  un segreto; non è una fotografa qualunque, anzi non è affatto una fotografa!

Vivian ha appena trent’anni quando si scopre tata, o meglio ancora bambinaia, la bambinaia di tre ragazzi, figli dei coniugi Gensburg, a Chicago; in realtà non amava questo lavoro, ma fu l’unico che fece per quarant’anni, amata oltretutto da tutti e tre i bambini, tanto da essere definita dagli stessi coniugi ‘Mary Poppins’.

 

Delle sue foto, o meglio dire della sua passione per la fotografia, il mondo se ne accorgerà solo dopo la sua morte, nel 2009.

La bambinaia durante il suo tempo libero non faceva altro con la sua Rolleiflex 6 x 6 che cogliere e valorizzare quanto la strada le offriva, dalle persone che percorrevano velocemente le strade new yorkesi alle semplici vetrine di negozi; da due mani di uomo e donna che dolcemente si sfiorano, al volto di un bambino le cui lacrime scendono per chissà quale capriccio; la bambinaia, allora, ignara del proprio talento è stata in grado di regalarci scorci di vita quotidiana in cui ciascuno di noi, anche a distanza di anni, può non solo rispecchiarsi ma leggere una storia, quella di una donna, sotto panni grigi e non molto aggraziata, il cui talento resta insuperabile.

Sarà grazie all’agente immobiliare John Maloof che l’arte della Meier sarà resa nota al pubblico; dalla morte della fotografa, infatti, Maloof, che acquisto all’asta parte dell’archivio fotografico, confiscato per mancati pagamenti, non ha smesso di cercare materiale, arrivando ad oggi ad archiviare oltre 150,000 negativi e 3,000 stampe.

 

In questa mostra, dal titolo Vivian Maier – una fotografa ritrovata, presso la Fondazione Puglisi Cosentino, (conosciuta anche come Palazzo Valle) a Catania, le foto ripercorrono gli anni ‘50 e ‘60 new yorkesi, in scatti in bianco e nero, mentre la parte dedicata a Chicago, relativa agli anni ‘70, prevede i colori vivaci di una città che si affaccia al consumismo.

Una mostra, dunque, alla scoperta di una donna il cui occhio si amalgama all’obiettivo della sua fotocamera; una mostra in cui grazie ad una donna qualunque, definita solo oggi fotografa, ripercorriamo la vita di una bambinaia il cui obiettivo principale era quello non tanto di rendere note le sue foto, bensì quello di produrre per se stessa e vivere in simbiosi con l’attrezzo che costantemente teneva attaccato al collo.

Gli scatti eleganti nella loro impostazione tecnica e semplici nel loro racconto, si sposano perfettamente con la location scelta; l’allestimento, inoltre, saturo e non invasivo, permette al visitatore di concedersi un momento di isolamento da rivolgere ad ogni singolo scatto e perdersi all’interno di esso.

 

Mery Scalisi: laureata in Comunicazione e valorizzazione del patrimonio storico artistico e specializzata in Progettazione artistica per l'impresa, lavora a stretto contatto con l'arte contemporanea, facendo di questa la chiave di lettura per ogni approccio lavorativo verso la quale si muove. Art is life, il motto attorno cui la sua esperienza lavorativa/artistica ruota.

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts

Calendario 2018 - Artisti Italiani

December 10, 2017

1/3
Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags