OGR: il nuovo distretto culturale di Torino

March 7, 2017

Nuove OGR, Torino, Manica Nord

 

Torino avrà un nuovo polo culturale. Le nuove Ogr apriranno i battenti il prossimo 30 settembre con un vero e proprio Big Bang, due settimane di eventi e appuntamenti gratuiti che saranno solo l'inizio di una nutrita serie di attività.

 

Costruite tra il 1885 e il 1895 e adibite fino ai primi anni ‘90 alla manutenzione dei veicoli ferroviari, le Officine Grandi Riparazioni sono uno dei più importanti esempi di architettura industriale dell’Ottocento a Torino.

Il restauro dei 20.000 mq dell'insieme di edifici che compone le Ogr rappresenta il più grande investimento diretto della Fondazione CRT su un unico progetto: «La Fondazione CRT con il progetto Ogr ha messo in campo uno sforzo senza precedenti dal punto di vista economico, progettuale e realizzativo, per fare delle nuove Ogr e di Torino un vero e proprio place to go per i prossimi anni» ha affermato il Segretario Generale Massimo Lapucci, Direttore Generale Ogr.

 

Le nuove OGR aspirano a diventare uno dei principali motori dello sviluppo creativo della città di Torino. Un centro di eccellenza rivolto in primo luogo al territorio, ma capace di volgere lo sguardo oltre i confini cittadini e di attrarre pubblici, professionalità e partner istituzionali nazionali e internazionali”. Queste le parole del Direttore Artistico delle nuove OGR Nicola Ricciardi. Milanese di nascita, il giovane critico d’arte e curatore vanta un curriculum ricco di progetti dopo gli studi newyorkesi. Ricciardi scrive regolarmente per Frieze e Mousse Magazine ed è editor di Carnet de Miart. Dal 2014 collabora il Brera Design District di Milano, nella cui Accademia di Belle Arti ha insegnato e tenuto workshop.

 

Nuove OGR, Torino, Corte Est notte

 

 

Eventi, cultura, start up per un fitto programma di concerti, laboratori, spettacoli, eventi di teatro, danza e arte.

Da qui nasce la collaborazione con Artissima 2017 e con le realtà museali torinesi come Fondazione Sandretto, Museo Egizio, Palazzo Madama, Gam, Mao e Club to Club.

Attesissimo l'importante progetto espositivo organizzato insieme alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e firmato da tre curatori d’eccezione: Tom Eccles, direttore del Center for Curatorial Studies del Bard College di New York, Mark Rappolt, redattore capo della prestigiosa rivista inglese Art Review, e Liam Gillick, artista di fama internazionale. La mostra nascerà dalla collaborazione con alcuni dei più importanti musei di Torino, tra cui Museo Egizio, Palazzo Madama, MAO, GAM e Castello di Rivoli.

Di fronte alla “manica” culturale ci sarà quella Sud riservata alla ricerca: spazi da destinare alle imprese innovative e alle start up.

 

Non vediamo l'ora di poter entrare nuovamente nella magnifica struttura a forma di H e godere di quello che si prospetta diventare un centro di avanguardia artistica e culturale di alto prestigio.

Please reload

Featured Posts

Calendario 2018 - Artisti Italiani

December 10, 2017

1/3
Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags